Attilio Santi

ACDSeeLavoro di stampa

IT
Progetto speciale terremoto

Docente
Attilio Santi
http://www.iuav.it/Ateneo1/docenti/architettu/docenti-st/Attilio-Sa/index.htm
santi@iuav.it

Assistente
Curzio Pentimalli

Con questo workshop si continua lo studio dei luoghi colpiti dal sisma del 2012 in Emilia-Romagna, già oggetto dei corsi e laboratori Iuav che all’interno del “Progetto speciale terremoto” si sono occupati di diverse tematiche con l’obiettivo di portare un contributo di idee e di proposte per la ricostruzione. Una sintesi dei risultati di questi lavoro è stata pubblicata sul giornale IUAV n° 127.

Il Workshop 2013 si propone di lavorare sugli stessi quattro Comuni di Concordia sulla Secchia, Medolla, Novi di Modena, San Felice sul Panaro sviluppando il tema, finora poco esplorato, della ricostruzione nelle aree e nei nuclei rurali.

Si tratta di un tema di estrema importanza non solo dal punto di vista economico e sociale ma anche dal punto di vista architettonico e paesaggistico. Le trasformazioni in atto richiedono sensibilità e capacità progettuali in grado di proporre edifici adeguati agli attuali stili di vita ma, insieme, di mantenere o dar nuovo senso ai valori paesaggistici e identitari dei luoghi.

La struttura territoriale di tutti e quattro i centri e delle loro frazioni mantiene ancora con evidenza il segno delle relazioni forti con l’economia agricola, l’assetto fondiario, la complessa storia politica e sociale. Ma si tratta di relazioni profondamente trasformate, ben prima del sisma, dal cambiamento dei modi di produzione e gli assetti sociali. Ne è derivata una altrettanto profonda modifica del senso e del ruolo di tutti gli elementi della struttura territoriale: dai centri storici, ai nuclei abitati alle abitazioni rurali, leggibile nelle configurazioni degli abitati e del territorio che mostrano nei loro cambiamenti morfologici le trasformazioni e discontinuità dei processi evolutivi. Tutti fenomeni a cui la ricostruzione post terremoto imprime oggi nuove accelerazioni e anche nuove direzioni evolutive.

Il workshop si concentra sulla progettazione di nuove architetture nei nuclei abitati dove i crolli e le demolizioni hanno generato vuoti che hanno profondamente modificato le configurazioni dei luoghi, partendo dalla considerazione che i nuclei abitati costituiscono gli elementi intermedi tra le “case rurali” ed i centri urbani e sono interconnessi funzionalmente e paesaggisticamente sia con gli uni che con gli altri.

L’ambito dell’esercitazione progettuale è scelto in modo da permettere agli studenti di produrre nel breve periodo del workshop un progetto adeguatamente definito, ma ricco di implicazioni progettuali sulla configurazione dello spazio esterno e sul paesaggio, in una visione più ampia di quella strettamente connessa al singolo edificio. In questo contesto il workshop fornisce, attraverso materiale di base e comunicazioni di docenti e di esperti, le conoscenze fondamentali relative ai luoghi per permettere agli studenti di esprimere architetture significative, basate sui valori primari dell’abitare ed attente alle relazioni tra nuove architetture, caratteri dei luoghi e delle preesistenze.

Insieme a queste tematiche, nel workshop si affrontano le problematiche della sicurezza degli edifici e degli abitati nei confronti delle azioni sismiche e quelle relative al controllo energetico.

Per quanto attiene al programma ed ai modi di svolgimento, si prevede quanto segue, con l’avvertenza che in corso di svolgimento potranno esservi variazioni per un migliore adattamento delle attività:

  • la prima settimana è dedicata alla conoscenza dei luoghi tramite comunicazioni dei docenti ed una visita di un giorno per prendere visione diretta dei luoghi ed per l’impostazione delle tematiche progettuali;
  • la seconda centrale è dedicata allo sviluppo dei progetti;
  • la terza settimana è dedicata al completamento dei progetti ed alla rappresentazioni e comunicazione dei risultati raggiunti.

Per una migliore produttività e scambio di idee, è previsto che gli studenti lavorino in gruppi sui luoghi e sui temi progettuali proposti dalla docenza.

Sono previsti interventi di:
prof. Amerigo Restucci, prof. Mariarosa Vittadini, prof. Paolo Foraboschi, prof. Fabio Peron, arch. Carla Ferrari, e dei Sindaci e Tecnici dei Comuni emiliani.

I docenti ed esperti invitati a tenere le comunicazioni rimarranno poi in aula per esaminare e discutere con gli studenti le proposte progettuali elaborate.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s